Cose per cui fare le fusa

MULTIVERSO (prima parte)

Non potevo mancare >^^<

Il tredicesimo cavaliere 2.0

Einstein Rosen Henry Markram Ologramma principio olografico spazio anti de Sitter Juan Maldacena entanglement quantistico Grumiller

Vorrei sottoporre alla vostra attenzione, e con ciò stimolare una riflessione, un argomento che pareva ben oltre i limiti del ragionevole solo pochi anni fa, regno assoluto della fantascienza più estrema: l’ Ultramondo onirico, vedi  “Salto nell’Ultramondo” Giunti ed. di Bruno Tognolini, o “Le Cronache di Ambra” di Roger Zelazny, cominciando da un remoto “Sidewise in Time” del 1934 a opera di Murray Leinster, fino ai ben più noti Philip Dick  con “Le tre stimmate di Palmer Eldritch” – 1964, Stanilslaw Lem con “Memorie di un viaggiatore spaziale” – 1971, Isaac Asimov con “Neanche gli dei” – 1972, Carl Sagan “Contact” – 1985, Philip Pullman con “Queste oscure materie” – 1996/2000, e via dicendo (ne ho omessi davvero tanti e assai noti).
Mi riferisco alla struttura della Realtà(1) e alle recenti intuizioni conseguenti all’applicazione della matematica nell’analisi delle strutture cerebrali (2). La quantità di materiale…

View original post 1.930 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...