Lucca Comics and Games

I fumetti, cuore pulsante di #LuccaCG19: ecco ospiti ed eventi dei Comics

Il fumetto è e resta la parte centrale di Lucca Comics & Games. Quella attorno alla quale è nato e cresciuto tutto il resto della manifestazione che, quest’anno, compie 53 anni. Anni che lo hanno visto divenire non solo un momento di intrattenimento, bensì un modo di comunicare concetti e idee a volte complesse, in modo semplice, diretto e che può arrivare a molti, proprio attraverso la leggerezza (spesso solo presunta) che gli viene attribuita. Un ruolo che Lucca, forse per prima, ha compreso e ha saputo valorizzare, come dimostra il programma che ogni anno viene stilato per l’area Comics.

I GRANDI DEL FUMETTO SI DANNO APPUNTAMENTO A LUCCA – Lucca, negli anni, è divenuto un appuntamento fisso per molti artisti del fumetto, che qua si ritrovano per dare vita a incontri e showcase che rendono Lucca Comics qualcosa di unico per conoscere e approfondire il loro modo di fare fumetti. Ospite di punta, quest’anno, è sicuramente Hirohiko Araki che, per la prima volta, ha accettato di presenziare a una convention fuori dal Giappone. Una scelta probabilmente dettata anche dall’amore che Araki ha sempre dichiarato nei confronti dell’Italia, della sua arte e della sua cultura. Del resto, i geni rinascimentali come Leonardo Da Vinci e Michelangelo sono punti di riferimento ben visibili nelle opere del Maestro giapponese: le loro sculture, infatti, hanno ispirato le pose esibite dai personaggi di JoJo, ma il Sensei ha anche preso ispirazione dai moderni stilisti, come Gucci e Bulgari, con i quali peraltro ha collaborato.

A schierare il panel più prestigioso di ospiti è sicuramente la Panini Comics. Innanzi tutto vi sarà uno dei nomi fondamentali per l’universo Marvel, Chris Claremont, che, negli Anni Settanta, ha portato al successo gli X-Men e ha realizzato storie che hanno creato questo universo, quali  ‘Giorni di un futuro passato’ e ‘La saga di Fenice Nera’. Con lui anche Jim Starlin, sceneggiatore e disegnatore Marvel e creatore del personaggi Thanos: attraverso i suoi fumetti hanno tratto ispirazione alcuni dei più importanti capitoli del Marvel Cinematic Universe e, più precisamente, ‘Avengers Infinity War’ e ‘Endgame’. La rivoluzione mutante è, invece, rappresentata da Jonathan Hickman e Pepe Larraz: giovedì 30 ottobre, Larraz infatti presenterà la copertina realizzata in acquarello bianco e nero che avrà come scenario la Torre Guinigi.

Sul fronte Disney – sempre nel padiglione Panini – il grande protagonista è Don Rosa, l’artista che è riuscito a dare un volot umano alla famiglia dei paperi più famosi al mondo e che, con le sue storie, sa far commuovere e divertire milioni di lettori di ogni età.

BAO PUBLISHING & EMIL FERRIS – Si deve a Bao Publishing la presenza di Emil Ferris, che arriva per la prima volta in Italia. L’autrice della graphic novel ‘La mia cosa preferita sono i mostri’ che lo scorso anno vinse il premio Gran Guinigi, è divenuta in breve un caso editoriale osannato sia dal pubblico, sia dalla critica, vendendo oltre 70mila copie nei soli Stati Uniti e, quest’anno, sarà protagonista a Lucca Comics con un importante panel che si svolgerà al Teatro del Giglio.

LA PARTNERSHIP CON ANGOULEME – Lucca Comics & Games ha avviato una partnership tra le più interessanti: abbattendo ogni barriera, i due festival hanno deciso di condividere esperienze e artisti. E’ così che Angouleme porta a Lucca il poliedrico artista francese Alex Alice, due volte vincitore del prestigioso Spectrum Award e che rappresenta uno degli autori più dotati della sua generazione. Il suo ambizioso progetto ‘Siegfried’, ispirato all’opera di Wagner, gli è valso questi prestigiosi riconoscimenti per l’illustrazione fantastica. Dopo aver venduto oltre un milione di libri, tradotti in una ventina di lingue, Alex Alice ha completamente rinnovato il proprio stile con una nuova e fortunata serie, dal titolo ‘Il castello delle stelle’, interamente realizzata ad acquarello. Tavole che rievocano, quindi, le illustrazioni dei romanzi di Jules Verne.

L’UNDERGROUND FUMETTISTICO – Anche quest’anno non mancheranno i protagonisti della scena underground del fumetto. Su tutti spicca il nome di Mat Brinkman – portato dalla casa editrice Hollow Press –, straordinario autore che ha vinto il premio speciale della giuria dei Gran Guinigi, «perché è incasellabile, oscuro, pop, esoterico, affascinante, insensato, grandioso: Brinkman ha creato un immaginario che combina fumetto, arte, musica, videogioco, in un grande affresco che rimane nella storia dell’underground», come recita la motivazione del premio.

Ma vi sarà ampio spazio anche a opere e autori assolutamente non convenzionali e amati da critica e pubblico, a partire da chi ha conquistato i lettori di tutto il mondo, ritraendo i lati oscuri della mente umana e le perversioni del mondo moderno, con eleganza e sensualità, forte di uno stile unico e sempre attuale, come Sueshiro Maruo – a Lucca grazie a Coconino Press – e che sarà protagonista di una mostra, la prima personale in Italia, nonché di una serie di eventi dedicati a lui, al fine di celebrarne una carriera costellata di successi internazionali e che vedrà la presentazione del volume conclusivo della serie ‘Tomino la dannata’, il suo più recente lavoro.

IL FUMETTO ITALIANO – Ovviamente grande spazio avrà il fumetto italiano, che porterà a Lucca iniziative speciali ed esposizioni dedicate. Innanzi tutto, vi sarà il geniale autore Leo Ortolani, che sarà tra i protagonisti di ‘Fletto i muscoli … ma piano, che quest’anno sono 30’, la parata del 31 ottobre dedicata a Rat-Man e al suo trentesimo compleanno.

E ancora, Alessandro Bilotta sarà protagonista di eventi e workshop durante i quali il pubblico potrà scoprire il processo creativo del fumetto, partendo dall’idea della grande scrittura.

Un’altra vincitrice del Gran Guinigi del 2018, Barbara Baldi, vedrà a lei dedicato un percorso espositivo che permetterà al visitatore di scoprire la sua suggestiva tecnica, unita a un magistrale uso del colore e un gusto spiccato per la composizione dell’immagine, evidenziandone la forte capacità espressiva, come si può ben vedere anche dal poster che accompagna l’edizione di quest’anno della manifestazione.

Ovviamente si rinnovano anche tutti gli appuntamenti consueti, come, ad esempio, la sfida contro il tempo di Sio, per 30 vignette in 30 minuti.

LE CASE EDITRICI, DAI GRANDI GRUPPI ALLE PICCOLE ETICHETTE – Che sia una grande casa editrice o una di nicchia dalle raffinate pubblicazioni, tutti vogliono essere presenti a Lucca Comics & Games che rappresenta l’occasione per presentare quelle che saranno le novità del proprio catalogo nell’anno a venire, spiegate dai team creativi che le hanno realizzate. Nel padiglione ‘Napoleone’ e in quello di piazza del Giglio saranno così presenti oltre 90 realtà editoriali e si va dal ritorno di Feltrinelli Comics, alla rinnovata presenza di Edizioni BD, assieme a J-Pop e Dentiblù, con artisti come Tony Valente e Yudori. Beccogiallo avrà al suo stand, tra gli altri, Cassandra Calin e Andrew Tsyaston, mentre Bao Publishing festeggia proprio a Lucca, con i suoi autori di punta, i primi dieci anni di attività.

Che da Hollow Press vi sarà Mat Brinkman lo abbiamo già detto, ma da Rizzoli Lizard saranno presenti gli autori della nuova avventura di Corto Maltese, ‘Il giorno di Tarowean’, che si affiancheranno a Juan Dìaz Canales e Ruben Pellejero. Infine, Saldapress effettuerà il grande lancio di ‘The Ghost Fleet’ e ‘Murder Falcon’.

Anche quest’anno la Sergio Bonelli Editore avrà un padiglione tutto suo dove presenterà tutte le novità del prossimo anno, dall’attesissimo ‘Sottosopra’ di Enoch e Crosa, al primo volume di ‘Attica’, particolarissima serie di fantascienza, creata da GiacomoKeison’ Bevilacqua.

QUANDO I FUMETTI VANNO A TEATRO – I linguaggi spesso si sovrappongono e si vanno a contaminare. E’ quello che accade a Lucca con la sezione ‘Graphic Novel Theatre’. La nuova produzione presentata quest’anno è ‘Cinzia’, dall’acclamata graphic novel di Leo Ortolani (Bao Publishing) sul tema della transessualità. Una storia sull’accettazione e sull’omologazione, raccontata con rispetto e ironia da Ortolani, a cui sia il pubblico che la critica hanno tributato un meritatissimo successo. Lo spettacolo è prodotto da Lucca Comics & Games e realizzato in esclusiva per i giorni del festival, da Teatri d’Imbarco, adattato dal premio Nastro d’Argento Nicola Zavagli con la collaborazione dello stesso Ortolani e da Bao Publishing.

Ma Lucca Comics & Games ha accolto la sfida del pubblico e del drammaturgo Zavagli e dà avvio al tour ‘Kobane Calling on Stage’: lo spettacolo è stato presentato nel 2018 con un sold out al Teatro del Giglio ed è stato, anch’esso, prodotto da Lucca Comics & Games e Teatri d’Imbarco, in collaborazione con Bao Publishing e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

COMICS E’ ANCHE AREE TEMATICHE – Le Aree Tematiche sono nate per evidenziare la missione culturale della manifestazione. Ecco che il fumetto diviene un qualcosa che porta conoscenza, che porta sperimentazione, ma anche che fa crescere la persona e la collettività, facendosi interprete del presente e raccontando sentimenti e valori collettivi. Ecco, quindi, che le Aree Tematiche diventano cruciali per valorizzare i singoli settori, attraverso spazi esclusivi.

Innanzi tutto, vi è la Self Area, cioè quello spazio che Lucca Comics & Games dedica al fumetto autoprodotto. Si tratta di un’area espositiva e performativa, dedicata a quelle realtà che creano e stampano i propri fumetti, liberi dai freni del mercato mainstream. Un’area che dà voce a chi ha scelto di creare propri spazi e circuiti per potersi esprimere. Per il secondo anno, quest’area si troverà nel padiglione Caserma 1, in piazza della Caserma e ospiterà quasi 40 etichette che popoleranno lo spazio. Per la prima volta vi sarà anche un bookshop ufficiale (powered by Inuit), dove sarà possibile trovare il meglio della produzione indipendente internazionale.

E’ dedicata al mercato dell’arte l’Area Tavole Originali, che sarà allestita nella chiesa dei Servi: qua i migliori operatori del collezionismo, provenienti da tutta Italia, ma anche da altri Paesi europei ed americani, porteranno le loro proposte. Inoltre, lo spazio sarà arricchito da una mostra dedicata a John Buscema, con due storie leggibili direttamente sulle tavole originali. Inoltre, sempre in quest’Area, saranno esposte le tavole originali di Ivo Milazzo del primo leggendario numero di Ken Parker (1977) e quelle dell’ultimo numero (2015). Infine, nel 5 giorni della manifestazione, i visitatori potranno vedere un’imperdibile carrellata nella produzione di uno dei più grandi geni del fumetto italiano: Bonvi.

Per i professionisti del settore, invece, c’è l’Area Pro, luogo di incontro e scambio, dove Lucca Comics & Games offre spazi e attività dedicati alle necessità di ogni operatore, dove gli addetti ai lavori di tutto il mondo possono dialogare e creare nuove sinergie, ma dove esiste una parte dedicata ai workshop guidati dagli ospiti internazionali del festival. Il cuore di quest’area, però, rimane rappresentato dalle opportunità che vengono offerte agli esordienti che, qua, possono incontrare gli editor e gli agenti, sottoponendo loro idee e portfoli.

Nata 11 anni fa, l’Area Performance è divenuta un evento permanente del festival lucchese, offrendo uno spettacolo continuo con decine di artisti che si alternano per dipingere e disegnare dal vivo di front al pubblico. Per i Comics, l’Area Perfomance è nel cuore del Padiglione Napoleone e, qua, gli artisti presenti realizzano dal vivo opere per l’asta benefica, promossa dall’associazione onlus Area Performance nata proprio a questo scopo.

CAMMINARE INSIEME, SOTTO IL SEGNO DEL FUMETTO – Sono tante le partnership che negli anni sono state realizzate e, ogni edizione, sono destinate a crescere di numero e di prestigio. Di quella con Angouleme abbiamo già detto, ma va sottolineato che sarà presente anche Gabriele Dell’Otto, Lucca Guest of Honor al Festival francese. Dell’Otto ha uno stile che trova le sue radici nella più classica pittura italiana, unendo le tecniche tradizionali ai personaggi pop per eccellenza e, per questo, viene subito apprezzato dalla Marvel che lo vuole per i suoi personaggi (Spider Man; Hulk; Capitan America). Nel 2014, l’artista ha iniziato a realizzare un progetto che definire ambizioso è forse ancora riduttivo: le illustrazioni della Divina Commedia di Dante.

Altra importante partnership è quella con il Salone del Libro di Torino, che ha dato vita al Translation Day, cioè un’intera giornata di incontri professionali per traduttori, curata da Ilide Carmignani, storica traduttrice di Luis Sepulveda. Si tratta di seminari pensati per approfondire e conoscere il fondamentale lavoro della traduzione e dell’adattamento, attraverso le voci e le lezioni di professionisti del settore. Vi saranno, infatti, tre seminari di tre lingue diverse: inglese, francese e giapponese, incentrati su tre grandi autori, Emil Ferris, Guy Delisle e Hirohiko Araki. In programma anche un laboratorio pratico sulla traduzione del fumetto, coordinato da Alessandra Di Lizio, traduttrice della serie The Sandman di Neil Gaiman, al quale prenderà parte anche Massimiliano Clemente, direttore editoriale di Tunué. E ancora, un incontro dedicato al ‘Trono di Spade’, dove parlerà Edoardo Rialti, nuovo traduttore delle opere di George Martin, mentre Leonardo Marcello Pignataro parlerà di cosa significhi tradurre e adattare le opere dello scrittore alla serie televisiva.

Altra collaborazione è quella con il Cicap (Comitato Italiano per il Controllo delle affermazioni sulle pseudoscienze): nata per promuovere in modo non convenzionale la mentalità scientifica e lo spirito critico, senza dimenticare la bellezza del mistero, verrà proposto un programma di iniziative che saprà stupire e divertire e che vede tra gli ospiti, Massimo Polidoro.

WE ARE LUCCA DIVENTA REALTA’ – Avviato la scorsa primavera a Torino, arriva al suo compimento anche il progetto ‘We Are Lucca’: quattro ragazzi, selezionati dalla community di Lucca Comics & Games, sono finalmente divenuti i protagonisti di una grande avventura inedita, illustrata da Barbara Baldi, scritta da Eleonora Caruso e da Giorgio Giusfredi. Il fumetto, realizzato grazie alla partnership di Fedrigoni, sarà presentato durante il festival.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...