Lucca Comics and Games

Le mostre dell’edizione 2022 di Lucca Comics & Games

Lucca Comics & Games non è solo una manifestazione ‘commerciale’: quello che rende speciale il festival lucchese è proprio il suo valore culturale. E questo valore culturale è perfettamente esplicitato dalle mostre che, anno dopo anno, impreziosiscono il programma della manifestazione.

Lentamente, accanto alle mostre ‘tradizionali’, allestite a Palazzo Ducale, si sono aggiunte altre aree espositive, un po’ in tutta la città, legate al tema di quell’area.

Un programma estremamente interessante che porta a scoprire o approfondire la conoscenza di alcuni autori proprio grazie a quello che Lucca offre.

LE MOSTRE DI PALAZZO DUCALE – Sono il primo step di avvicinamento alla manifestazione ufficiale e inaugurano il 15 ottobre e restano visitabili fino all’ultimo giorno di Lucca Comics & Games, il 1° novembre.
Ecco quest’anno cosa vi si può trovare.

«Atsushi Ohkubo: Anima di fuoco», realizzata con la collaborazione di Panini, illustrerà, attraverso una ricca selezione di tavole originali delle sue opere più celebri (curata dal Doc Manhattan, al secolo Alessandro Apreda), l’incredibile lavoro di world building che ha reso celebre questo mangaka. Dalla caccia alle anime della Death City di Soul Eater e del suo spin-off Soul Eater Not!, ai pompieri pirocinetici di Fire Force.

«Giacomo Nanni, un altro sguardo sul mondo»: Giacomo Nanni è uno dei fumettisti italiani più raffinati e profondi. Con Atto di Dio (2018), premiato anche ad Angoulême, ha prodotto uno dei migliori libri italiani degli ultimi anni, una riflessione, laica e religiosa insieme, sull’universo come portatore di un mistero radicale e sul ruolo dell’uomo al suo interno. Col successivo Tutto è vero (2021) approfondisce il suo sguardo esterno su un’umanità confusa e sbandata, alle prese con le moderne paure del terrorismo e dello scontro fra civiltà.

«Mirka Andolfo, eroina di carta»: lanciatissima, Mirka Andolfo è la nuova star del fumetto italiano. Disegnatrice e autrice, Mirka si è imposta in modo folgorante a partire da Sacro/Profano (2013), caratterizzato da un erotismo gioioso, sorretto da un tratto morbido e sensuale. È il segno distintivo del suo stile, che dopo svariate collaborazioni italiane e internazionali, la riporta alla ribalta col grande successo di Sweet Paprika.

«Chris Riddell: schizzi, scarabocchi e meraviglie»: autore per ragazzi, vignettista politico, illustratore e straordinario creatore di mondi, sarà ospite a Lucca Comics & Games 2022 in collaborazione con l’Editrice Il Castoro e sarà allestita una mostra a Palazzo Ducale che ne celebrerà la prolifica carriera.

«Graphic Novel Theater: fumetti in carne e ossa»: dal 2017, anno di Una ballata per Corto Maltese, Lucca Comics & Games ha messo in scena almeno uno (due nel 2021) spettacolo all’anno tratto da un graphic novel italiano: è il Graphic Novel Theatre, progetto di commistione di linguaggi che traghetta il fumetto, da sempre legato a una fruizione privata, alla dimensione pubblica dell’evento dal vivo, come neanche il cinema riuscirebbe a fare. La mostra racconta la breve ma già significativa storia del Graphic Novel Theater, concludendosi con un’anteprima del nuovo spettacolo, dedicato a Celestia di Manuele Fior.

«Ted Nasmith, la Natura del Mito»: autore del poster di Lucca Comics & Games 2022, fra i massimi esponenti dell’arte fantasy, il canadese Ted Nasmith è protagonista di una grande mostra il cui piatto forte sono le ormai classiche illustrazioni dedicate all’universo tolkieniano, affrontato con una peculiare sensibilità paesaggistica. Inoltre, illustrazioni realizzate per la saga di George R. R. Martin Cronache del ghiaccio e del fuoco e altre innumerevoli meraviglie.

«Alex Randolph, Regista di Giochi»: un game designer, Alex Randolph, che per la prima volta nella storia di Lucca Comics & Games atterra in Palazzo Ducale: una celebrazione in grande stile per ricordare il centenario della nascita di Alex Randolph, con pezzi per la prima volta messi in mostra in Italia ed illustrazioni inedite in anteprima assoluta in collaborazione con il Deutsches Spielearchiv Nürnberg, Studio Tapiro e Studio Giochi.

LE MOSTRE AL PALAZZO DELLE ESPOSIZIONI (Fondazione Banca del Monte di Lucca). Queste esposizioni inaugurano assieme alla manifestazione il 28 ottobre e chiudono il 1° novembre

Ecco cosa si può vedere in piazza San Martino.

«Castelli & Friends»: a quarant’anni dalla nascita del suo personaggio più famoso, Martin Mystère, la mostra è l’occasione di fare il punto sulla carriera straordinaria di un gigante del fumetto italiano, già proclamato Maestro del Fumetto a Lucca Comics & Games 2006. Da Gli Aristocratici a L’Omino Bufo, da Zio Boris alle innumerevoli collaborazioni con le più varie riviste, dalla sua attività di storico del fumetto al suo status di “espertone” globale e enciclopedico, la mostra esplorerà tutti gli aspetti delle multiformi attività del “Buon Vecchio Zio Alfredo”.

«Manga, Love & other stories»: ideata da J-POP Manga e Lucca Comics & Games, con il patrocinio del Comune di Lucca, la mostra presenta un’esposizione sull’educazione sentimentale. Il legame d’amore espresso dalla forma d’arte del manga è ciò che la mostra promuove e intende trasmettere ai suoi fruitori, attraverso le splendide narrazioni di grandi maestri del Sol Levante quali: Ryoko Ikeda, Keiko Takemiya, Nagabe, Kabi Nagata, Waka Hirako, Keigo Shinzo, Aki Irie, Kaori Tsurutani e di un nuovo e già affermatissimo mangaka europeo come Tony Valente.

MOSTRA ALLA CHIESA DEI SERVI

«Corrado Roi: Diabolik, chi sei?»: Corrado Roi è uno dei grandi interpreti del fumetto italiano. Nel volume edito da Lo Scarabeo Diabolik, chi sei?, in onore del 60° anniversario del celebre personaggio mascherato, Roi reinterpreta con il suo inconfondibile stile il “re del terrore”. La mostra è l’occasione di ammirare alcune sue splendide tavole.

MOSTRA NELLA CHIESA DI SAN CRISTOFORO

«POP SALANI 160 anni di libri, cultura e fantasia»: La mostra ripercorre la storia della casa editrice fondata da Adriano Salani nel 1862, privilegiando la scelta di personaggi e titoli che hanno segnato l’immaginario comune italiano e non solo. Lo spettatore si trova immerso in un’atmosfera fantastica, potendo ammirare i disegni originali realizzati per i volumi della casa editrice dai più importanti illustratori italiani e internazionali, attraversando il Novecento e arrivando ai nostri giorni. Una mostra per tutti, esperti e semplici appassionati, dai piccoli ai grandi, nel solco del grande successo di pubblico ottenuto dall’esposizione Da Pinocchio a Harry Potter. 150 anni di illustrazione italiana dall’Archivio Salani, tenutasi nel 2012.

MOSTRA NELL’ORATORIO DI SAN FRANCESCHETTO (piazza San Francesco)

«Atari 50»: fondata da Nolan Bushnell e Ted Dabney nel 1972, Atari è stata la prima grande azienda di videogiochi, creando di fatto l’intera industria videoludica con il mitico Pong, simulazione di tennis (o di Ping pong, come il nome lascia intendere) con due barrette mobili che si rilanciano una pallina.

Americanissima, nonostante il nome giapponese (scelto, pare, usando un termine del gioco del go, e che quasi profeticamente anticipa l’importanza che il Sol levante avrebbe assunto nell’industria dei videogiochi), Atari ha proseguito la sua traiettoria tra alti e bassi (storico il flop della conversione in videogame del film di Spielberg E.T., che nei primi anni ‘80 la mandò in crisi), dopo aver lasciato un segno indelebile nella storia dei videogiochi. San Franceschetto ospiterà una mostra interattiva dedicata ad Atari, con cabinati e console che raccontano la storia del marchio e quindi – tout court – del videogioco.

MOSTRA AL BALUARDO SAN PIETRO (detto Dei Balestrieri)

«Multiverse of Metaverses»: il progetto pilota che ha come obiettivo quello di richiamare la dualità tra fisico e digitale e tra analogico e digitale, tramite un’esperienza immersiva ed interattiva, ma soprattutto formativa e divulgativa rispetto ad un pubblico di ogni età.

MOSTRA AL PADIGLIONE CARDUCCI

«John Blanche – Within the Woods»: con il suo stile inconfondibile, caratterizzato da un fitto tratteggio e da colori terragni usati con una sensibilità quasi monocroma, il britannico John Blanche ha caratterizzato almeno un trentennio di illustrazione fantasy, soprattutto quella legata all’universo di Warhammer, il pluri-universo ludico creato da Games Workshop, azienda di cui è stato a lungo portabandiera. Sempre distanti da un banale descrittivismo, le complesse immagini di Blanche non cessano di trasmettere, anche al di fuori del loro contesto, un’indefinibile suggestione.

MOSTRA SELF-AREA (Biblioteca Agorà)

Per ricordare Tuono Pettinato, il nostro carissimo amico Andrea Paggiaro, Lucca Comics & Games ha deciso di omaggiare il suo lavoro ospitando una mostra dedicata alla sua carriera. La mostra è realizzata e curata in collaborazione con la Fondazione Tuono Pettinato, che si occupa di proseguire la ricerca e la diffusione dell’opera di Andrea.

MOSTRA CASA DEL BOIA

Il videogioco Mario + Rabbids: Sparks of Hope sarà presente con una mostra di altissimo livello dedicata agli artwork relativi alla creazione del gioco, che rappresentano nel migliore dei modi la creatività di Ubisoft Milan.

Il programma della manifestazione e gli aggiornamenti sulle singole aree si trovano sul sito di Lucca Comics & Games

3 risposte »

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...